Sezione Storico - Archeologica - Museo civico Montefalcone di Valfortore
Brocche ricostruite 003.jpg
La nuova sezione storico – archeologica è stata inaugurata nel novembre del 2012 e ripercorre la storia di Montefalcone, attraverso l’esposizione di oggetti e pannelli esplicativi. I reperti archeologici provengono dagli scavi effettuati nel centro storico di Montefalcone di Valfortore, dove un tempo sorgeva l’antico castello medievale, circondato da mura e posto a difesa di tutto il nucleo abitato.  Oggi il recupero della base del castello ha portato alla luce alcune mura perimetrali e una cisterna dove era sepolta una ricchissima serie di frammenti di piatti e vasellame che ricoprono un’età che va dal IV secolo A.C. fino al XX sec..    
Si possono ammirare alcuni pezzi di maiolica arcaica o proto - maiolica, un tipo di ceramica realizzata attraverso un procedimento di doppia cottura in ambiente ossidante, caratterizzata da un rivestimento vetrificato a base stannifera su cui sono tracciati decori in verde – ramina, ricavata da una miscela di ossido di rame, e in nero – bruno, ottenuto con ossido di manganese.  Di particolare interesse sono i frammenti di piatti (XVI – XIX sec.) che spiccano per i motivi floreali stilizzati e per le tonalità del verde ramina, del giallo e del manganese. Sono presenti, inoltre, alcuni colli di fiasche, lucerne, oliere e brocchette decorate con motivi vegetali, floreali e zoomorfi (uccelli).

    -  English  -
The new historic-archaeological section was inaugurated in November 2012 and it retraces the history of Montefalcone through objects and information boards. The archaeological remains come from the excavations carried out in the historic centre of Montefalcone di Valfortore, where once stood the ancient medieval castle, surrounded by walls with the purpose of protecting the whole inhabited area. The recent recovery of the castle’ base has revealed some perimeter walls and a cistern where a whole series of dishes and crockery (covering a period that goes from the IV century BC until the XX century) was buried.
It is possible to admire some pieces of archaic majolica or proto-majolica, a kind of ceramic made through a process of double boiling in an oxidant environment, characterized by a tin based vitrified coating on which there are some decorations in green- copper flake, obtained by copper oxide, and in dark-brown/black, obtained by manganese oxide. The dishes fragments (XVI-XIX century), that stand out because of the stylized floral pattern and because of the shades of the copper flake-green, of the yellow and of the manganese, are particularly interesting. Furthermore, there are  some necks of bottles of wine, oil lamps, oil bottles and small jugs decorated with vegetal, floral and zoomorphic (birds) patterns.
   -   Testo in inglese a cura di Cristiana Ciarmoli  -